Come funzione l’elettrostimolatore

L’elettrostimolazione è una particolare tecnica che si basa sulla stimolazione del muscolo mediante impulsi elettrici. Tali impulsi che attraversano il corpo vanno a raggiungere il muscolo stimolati alla contrazione in egual modo in cui questi si allenano in genere in palestra. Tale pratica è di norma usata come tecnica di riabilitazione per i dolori muscolari oppure per traumi. Dunque, non sarà pericoloso per la salute.

Come utilizzare bene un elettrostimolatore.

In base alla terapia che si intende seguire oppure alla zona da voler trattare, le ultime tecnologia mettono a disposizione vari impulsi diversi adatti a ciascun scopo e a ciascuna parte del corpo. La primaria cosa da stabilire quando si comincia un trattamento di elettrostimolazione è se il muscolo è lesionato o meno. Nel particolare caso di un muscolo lesionato si dovrebbero usare delle correnti che incrementano di intensità in modo esponenziale, gli impulsi saranno in tal caso di forma triangolare, in cui si raggiunge il massimo picco di intensità in modo graduale e si ha una discesa maggiormente intensa. Per evitare un affaticamento muscolare, proprio perchè si sta parlando di un lavoro passivo, le pause intercorrenti dovranno essere in modo adeguate lunghe.

Tale trattamento deve esser eseguito sotto controllo medico, laddove possibile, seguito da accertamenti per la verifica della corretta risposta del muscolo. Tale tipologia di monitoraggio sarà utile per comprendere la zona precisa da voler stimolare, con esclusione delle zone limitrofe sane. In un sano muscolo, la tipologia di corrente usata è di tipo faradico. Con corrente faradica si va ad indicare una corrente che va a svilupparsi in corrispondenza dell’interfaccia elettrodo-elettrolita. In tal caso il tipo di impulso si caratterizzerà da una forma rettangolare, con una rapida salita, una fase di stallo ed una istantanea discesa a zero.

Qualora il muscolo fosse sano si potrà fare utilizzo pure delle onde sinusoidali, questa tipologia di onde hanno anch’esse un eccellente effetto che va a stimolare sul muscolo. All’utilizzo dell’elettrostimolatore potrà essere abbinato pure un movimento di tipo dinamico oppure statico che ipoteticamente indurrebbe ad un potenziamento muscolare rilevante.

L’utilizzo combinato potrebbe portare ad una diminuzione della capacità di contrazione del muscolo, una particolare specie di istupidimento del muscolo in pratica, in modo probabile reversibile, ma certamente poco salutare. Si è poi visto che su una singola placca motoria tale fenomeno poteva essere addirittura irreversibile, con gravi conseguenze sulla contrazione del muscolo e la derivante perdita di prestazione. Ecco qui tanti approfondimenti https://sceltaelettrostimolatore.it